Parafrasando il titolo di una canzone di Luigi Tenco, questo evento intende ricordare, in una forma originale e innovativa, l’opera del grande e amato cantautore scomparso nel 1967. Si tratta di una rivisitazione di sue affascinanti canzoni, note e meno note, per voci, grande orchestra e ensemble ritmico, affidati alle strumentazioni e alla direzione di uno dei più rinomati musicisti della scena italiana, Mauro Ottolini, arrangiatore e polistrumentista di estrazione sia classica che jazz, aperto ad ogni sperimentazione. Il progetto nasce nell’ambito del “Premio Tenco” a Sanremo, per iniziativa di Enrico de Angelis, già direttore artistico del Club Tenco; ed è stato poi affiancato da un doppio cd con diverse voci soliste. L’ensemble utilizzato, che suonerà anche in quest’occasione, è l’Orchestra Sinfonica dei Colli Morenici, costituita da strumentisti di area gardesana, integrata dalla sezione ritmica di Ottolini. Voci soliste saranno in questo caso Vanessa Tagliabue Yorke e Vincenzo Vasi, con il commento in scena di Enrico de Angelis, storico della canzone d’autore.

Enrico De Angelis