PROGRAMMA

 

Ludwig Van Beethoven (1740 - 1792)

Sonata per violino e pianoforte n. 3 in mi bemolle maggiore, op. 12 n. 3

 

Rocco de Cia (1982)

Perdendosi

Prima esecuzione assoluta. Brano commissionato dalla Società Amici della Musica di Verona e dagli Amici della Musica di Padova.

 

***

 

Ludwig Van Beethoven

Sonata per violino e pianoforte n. 4 in la minore, op. 23

 

Ludwig Van Beethoven

Sonata per violino e pianoforte n. 7 in do minore, op. 30 n. 2

LAURA MARZADORI

Marzadori ha iniziato da piccola lo studio del violino con il metodo Suzuki, diplomandosi poi alConservatorio di Bologna. Nel 2002 è stata premiata con menzione alla VII Rassegna Nazionale per Giovani Strumentisti ad Arco organizzata dall’European String Teachers Association ESTA-Italia e sempre nello stesso anno ha ricevuto la borsa di studio “Mario Benvenuti” alla Rassegna Nazionale di Vittorio Veneto. Nel 2005 è stata scelta da Niel DePonte, direttore dell’Oregon Ballet Theatre Orchestra, per rappresentare la città di Bologna al Young Artists a Portland e si è esibita al Festival “Uto Ughi per Roma”. Nello stesso anno ha vinto il primo premio assoluto in diversi concorsi tra i quali il Nuovi Orizzonti di Arezzo e il XXVII Concorso Città di Vittorio Veneto, il più importante concorso nazionale di violino. In quella occasione le è stato assegnato anche il premio speciale in memoria di Franco Gulli per la migliore esecuzione di Mozart. Laura Marzadori è la più giovane vincitrice del concorso dalla sua fondazione (1962), record detenuto fino a questa edizione da Cristiano Rossi, che era in giuria. Si è esibita in numerosi concerti, accompagnata da importanti orchestre e in duo con il pianista Roberto Arosio, in Italia e all’estero. Ha suonato come solista nel Concerto della Solidarietà, promosso dal Ministero per i Beni Culturali, tenutosi all’Auditorium Parco della Musica di Roma e ripreso dalla Rai. Ha inoltre suonato in formazioni cameristiche con musicisti come Salvatore Accardo, Pavel Berman, Bruno Giuranna, Rocco Filippini e Antonio Meneses. Ha studiato e continua a perfezionarsi con autorevoli e famosi insegnanti: Marco Fornaciari, Giuliano Carmignola, Pavel Berman, Salvatore Accardo. Suona un violino Giovanni Pressenda del 1830 concessole dalla Fondazione Pro Canale.

OLAF LANERI

Nasce a Catania da famiglia di origine svedese, termina brillantemente gli studi a Verona e quindi si perfeziona in Italia e all’estero per poi conseguire la qualifica di Master all'Accademia Pianistica di Imola.  Dopo diverse vittorie in competizioni nazionali, risulta laureato ai concorsi internazionali di Monza, di Tokyo e di Hamamatsu; nell'estate del 1998 vince la cinquantesima edizione del prestigioso concorso “F. Busoni” di Bolzano (II premio con particolare distinzione, I premio non assegnato), e nel 2001 ottiene il II premio al World Music Piano Master di Montecarlo.  È presente in rinomate stagioni in Italia e in Europa come solista e con orchestra (Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra dell’Arena di Verona, Symphony Orchestra di Tokyo, Filarmonica di Montecarlo). Ha suonato al Festival di Brescia e Bergamo, al Teatro Olimpico di Vicenza, al Teatro Bellini di Catania, alla Sagra Malatestiana di Rimini, al Tiroler Festspiele in Austria, alla Radio della Svizzera Italiana a Lugano, al Festival della Ruhr, alla Herkulessaal e al Gasteig di Monaco, per la Deutsche Rundfunk, alla Salle Gaveau e per Radio France a Parigi, in Salle Molière a Lione, al Festival Chopin in Polonia, all’Opéra di Montecarlo.  Il suo repertorio comprende l'intero corpus delle 32 Sonate di Beethoven, che fanno costantemente parte dei suoi programmi. L’interpretazione del Concerto n. 2 di Brahms con i Berliner Symphoniker in tournée in Italia e il successo al debutto con lo stesso concerto alla Sala Grande della Philharmonie di Berlino gli hanno procurato l’invito dell’orchestra e del suo direttore L. Shambadal a tornare nel 2011 alla Philharmonie con il Concerto n. 2 di Tchaikovskij.

SITO INTERNET LAURA MARZADORI